Homepage > Stakeholder > Ambiente >

Migliorare l'ambiente

 
Obiettivi Azioni intraprese nel 2016 Obiettivi futuri
Consolidare il primato delle fonti ecocompatibili  Interventi di riqualificazione degli impianti idroelettrici di Chiomonte e Susa • Investimenti di ulteriore sviluppo per gli impianti di Chiomonte e Susa (€ 19 milioni)
• Investimenti nel settore del mini idroelettrico
• Investimenti nel settore rinnovabili (impianti a biomasse)
• Realizzazione di impianti di digestione anaerobica con produzione di biogas e raffinazione a biometano a Reggio Emilia e, in collaborazione con GAIA, a San Damiano (AT)
Ridurre le emissioni in atmosfera
 
• Installazione di scambiatori e pompe per il riscaldamento del gas naturale con il fluido del teleriscaldamento al posto delle attuali caldaie alimentate a gas naturale nella stazione di decompressione della centrale di Moncalieri
• Installazione di un sistema di riduzione catalitica di abbattimento degli ossidi di azoto (DeNOx) e del monossido di carbonio (CO Catalyst) presso la centrale di Turbigo
• Eliminazione del gas HFC R22 (idro-cloro-fluoro-carburo) utilizzato dagli impianti di climatizzazione di Atena
• Ammodernamento degli impianti di climatizzazione invernale per ridurre le quantità di emissioni di biossido di carbonio (ipotesi: riduzione quantità immessa del 20% in 5 anni)
• Investimenti per il collegamento di TRM con la rete di teleriscaldamento di Grugliasco
• Prosecuzione dell’attività di eliminazione del gas HFC R22 fino ad esaurimento dei 28 Kg di gas restanti a fine 2016
• Prosecuzione dell’ammodernamento degli impianti di climatizzazione per ridurre le emissioni di biossido di carbonio (ipotesi: riduzione quantità immessa del 20% in 5 anni)
• Installazione di un reattore catalitico per il contenimento ulteriore di IPA e PCDD e PCDF sulle due linee del termovalorizzatore di Parma
Ridurre i consumi e risparmiare energia • Completamento del progetto Torino Led Fase 1 con l’installazione delle rimanenti 31.600 lampade sul totale di 50.000 lampade
• Avvio del Progetto Torino Led Fase 2
• Completamento delle 5.700 lampade a Led per l'illuminazione pubblica nel Comune di Alba
• Avanzamento del progetto di illuminazione pubblica a Led nel Comune di Asti con installazione di circa 5.000 lampade
• Presentazione ai Comuni di Genova e Reggio Emilia del progetto di efficientamento energetico della rete di illuminazione pubblica cittadina
• Avvio dei lavori per il rinnovamento degli impianti elettrici degli edifici di proprietà della Città di Torino inseriti nei progetti europei Probis e Pro-Lite
• Avvio del rinnovamento integrale degli impianti termici di 120 edifici di proprietà della Città di Torino
• Prosecuzione del progetto Torino Led Fase 2 (sostituzione di circa 860 punti di illuminazione ad alto consumo, riqualificazione degli impianti di illuminazione dei principali sottopassi cittadini e sostituzione di circa 13.000 lanterne semaforiche)
• Sviluppo di nuove commesse per l'illuminazione pubblica a Led (Comuni di Reggio Emilia, Genova, Cuneo ed Enerbit)
• Realizzazione presso l'impianto di digestione anaerobica di Reggio Emilia di un sistema cogenerativo per i consumi elettrici e termici di processo
• Realizzazione presso il termovalorizzatore di Parma di un sistema di pulizia automatica del condensatore ad aria per migliorare lo scambio termico e incrementare il rendimento
Ridurre l’impiego di materiali inquinanti Avvio della rimozione delle coperture piane in fibrocemento degli impianti gas di Vercelli pari a 160 m² Completamento della sostituzione delle coperture piane in fibrocemento
Migliorare l’efficienza della rete di distribuzione gas e assicurare un elevato livello di sicurezza contenendo il più possibile il gas disperso in atmosfera • Prosecuzione del rinnovo della rete gas, in linea con quanto previsto da AEEGSI, in particolare in Liguria (dismissione di 3 km di reti in ghisa grigia e in altri materiali obsoleti e di 8 km di reti in acciaio non protette catodicamente)
• Protezione catodica di 19,1 km di rete in acciaio
• Ispezione programmata della rete gas: oltre l’80% del totale in area emiliana e ligure e oltre il 57% in area vercellese
• Prosecuzione dell’attività di rinnovamento rete in accordo con quanto previsto da AEEGSI
• Implementazione della rete e dell'impianto di protezione catodica sulla rete in acciaio e messa in sicurezza della stessa ai fini del contenimento delle dispersioni
Ridurre le emissioni da campi elettromagnetici (CEM): monitoraggio mensile delle cabine elettriche per mantenere i valori CEM nei limiti del valore di Qualità • Progettazione e costruzione delle nuove cabine di trasformazione MT/BT
• Misurazione dei CEM per il 50% delle cabine entrate in esercizio: 15 sopralluoghi su 28 nuove cabine installate o rinnovate
• Prosecuzione della progettazione e costruzione delle nuove cabine di trasformazione MT/BT
• Misurazione dei CEM per il 50% delle cabine in esercizio
Ridurre il numero di apparecchiature elettriche contenenti olio contaminato da PCB/PCT
 
Dismissione di 26 apparecchiature contenenti  olio contaminato da PCB Prosecuzione dell'attività di dismissione e smaltimento apparecchiature contenenti  olio contaminato da PCB
Migliorare i sistemi di raccolta, gestione, smaltimento rifiuti e aumentare la percentuale di raccolta differenziata • Superamento degli obiettivi di raccolta differenziata fissati: 65% sull'intero bacino di Parma, Piacenza e Reggio Emilia e 41% sul Comune di Torino
• Attivazione del primo stralcio del progetto Tricolore nel comune di Reggio Emilia per la diffusione in tutto il territorio comunale della raccolta domiciliare, in maniera graduale e per stralci successivi fino al 2019
• Aumento della percentuale di raccolta differenziata come previsto dal Piano Regionale di Gestione Rifiuti Emilia Romagna: obiettivo di raccolta differenziata al 73% su base regionale entro il 2020
• Sviluppo ulteriore della raccolta differenziata nella città di Torino
• Progetto di realizzazione di un impianto di recupero della frazione organica con produzione di biometano
• Realizzazione di sistemi di selezione di carta e plastica presso il sito PAI di Parma e presso il sito di Borgaro di Torino, per un migliore recupero di materia
•  Potenziamento  del sistema di selezione della plastica in collaborazione con GAIA presso il sito Valterza di Asti per un migliore recupero di materia• Avvio di alcune attività (es. progettazione) inerenti l'allaccio del termovalorizzatore di Piacenza alla rete del teleriscaldamento, in attesa del rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale
• Adeguamento strutturale di alcune aree di gestione dei rifiuti a Torino: chiusura attività con sede C.so Brescia e trasferimento dei servizi territoriali in Via Ravina
Ridurre gli impatti ambientali legati alle attività di raccolta e gestione rifiuti urbani e non pericolosi • Avvio di alcune attività (es. progettazione) inerenti l'allaccio del termovalorizzatore di Piacenza alla rete del teleriscaldamento, in attesa del rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale
• Adeguamento strutturale di alcune aree di gestione dei rifiuti a Torino: chiusura attività con sede C.so Brescia e trasferimento dei servizi territoriali in Via Ravina
• Allaccio del termovalorizzatore di Piacenza alla rete del teleriscaldamento urbano entro la stagione invernale 2018/2019. Il progetto produrrà benefici ambientali dovuti alla sostituzione delle caldaie, per una volumetria riscaldata pari a 1 milione  di metri cubi ed il risparmio del gas attualmente utilizzato in via prioritaria per l'alimentazione della rete del teleriscaldamento
• Realizzazione di una sezione di denitrificazione-nitrificazione presso l'impianto chimico fisico di depurazione reflui di Piacenza
• Potenziamento delle unità di deodorizzazione delle arie contaminate tramite carboni attivi presso il termovalorizzatore di Torino
• Modifica dello scarico dell'impianto di compostaggio di Mancasale (RE) per un migliore trattamento a valle del depuratore biologico
 
 
Implementare il sistema integrato Certificazione Qualità, Ambiente e Sicurezz • Mappatura dei processi di service in ambito di applicazione del Sistema Certificato Qualità, Ambiente, Sicurezza (QAS) e redazione della relativa documentazione. A valle di audit, l’Ente di certificazione ha confermato il mantenimento delle certificazioni QAS
• Accreditamento multisito dei Laboratori Iren
• Certificazione QAS di Ireti, con integrazione del perimetro di applicazione della ISO 14001 e OHSAS 18001 anche al territorio Emiliano
• Riesame, riprogettazione dei processi e redazione della documentazione del Sistema Certificato di Ireti, volti ad unificare ed omogeneizzare le prassi operative
• Adeguamento del Sistema di Gestione QAS alla nuova organizzazione di Iren Mercato con positivo esito della verifica da parte dell’Organismo di certificazione
• Implementazione del piano delle attività per uniformare ed omogeneizzare le procedure di Iren Energia nell’ambito dei Sistemi di Gestione QAS con positivo esito della verifica da parte dell’Organismo di certificazione
• Mantenimento delle certificazioni ISO 9001, ISO 14001, OHSAS 18001 e UNI 11352 di Iren Servizi Innovazione
• Mantenimento della certificazione UNI 11352 di Iren Rinnovabili
• Mantenimento delle certificazioni QAS ed EMAS per Iren Ambiente con integrazione della documentazione di Tecnoborgo nel sistema e l’estensione del sistema Amiat all’impianto di Borgaro e alla sede di Via Ravina
 
• Revisione dell’impostazione del Sistema Certificato sulla base della revisione 2015 delle norme di riferimento (ISO 9001 e ISO 14001) per Iren, Iren Laboratori, Iren Mercato, Ireti e Amiat
• Acquisizione della certificazione UNI 11352 per le Società che forniscono servizi energetici (ESCo) a seguito dell’acquisizione di Iren Gestioni Energetiche da parte di Iren Mercato e di Iren Servizi e Innovazione da parte di Iren Energia
• Acquisizione della certificazione F-Gas per le imprese operanti su impianti e apparecchiature contenenti gas fluorurati, a seguito della acquisizione di Iren Gestioni Energetiche da parte di Iren Mercato
• Rinnovo della certificazione UNI 11352 di Iren Rinnovabili
• Mantenimento delle certificazioni QAS ed EMAS per Iren Ambiente con estensione a: discarica R.E.I., impianto polifunzionale per la Gestione dei rifiuti di Reggio Emilia (soggetto ad AIA), Centro impianti di Piacenza (soggetto ad AIA), Polo Ambientale Integrato di Parma, attività amministrative, commerciali e di staff in area emiliana e attività di fatturazione e gestione tributo
• Registrazione Emas per l'impianto TRM di Torino e ottenimento della certificazione UNI EN ISO 9001 e OHSAS 18001